Letteratura, Libri, Personaggi
Leave a comment

Il Dubbio di Amleto

stiletto di amleto

stiletto di amleto

Perché sopportare il fardello di una vita lunga, fatta dei torti dell’oppressore, degli scherni del tempo, dell’insolenza dei superbi, dello strazio dell’amore disprezzato, del ritardo della legge, dell’arroganza delle cariche ufficiali, di pazienza davanti agli indegni quando basterebbe una stilettata per togliersi dall’esistenza?

Perché nessuno è mai tornato dal sonno della morte.

E quindi il pensiero razionale ci impedisce di fare quello che naturalmente faremmo.

Sopportiamo i nostri mali per non andare, forse, incontro ad altri che non conosciamo.

Così, o si soffrono gli oltraggi o si combattono.

La scelta tra essere o non essere accompagna il quotidiano esistere.

Amleto di William Shakespeare, libera traduzione e parafrasi all’Atto 3, Scena 1.

Melissa Pignatelli

Rispondi