Antropologia, Arte, Cultura, Musei, Scultura
Leave a comment

Il Potere Silenzioso di Doris Salcedo

Shibboleth di Doris Salcedo, © Photo AP

Shibboleth di Doris Salcedo, © Photo AP

L’artista Colombiana Doris Salcedo mette davanti agli occhi di chi guarda qualcosa di cui non si riesce a parlare, questa la tesi di Mieke Bal, professoressa di Letteratura all’Università di Amsterdam e fondatore della Scuola di Analisi Culturale di Amsterdam.

Una delle opere più spettacolari dell’artista, Shibboleth, è una spaccatura lunga 167 metri nel suolo della Turbine Hall alla Tate Modern di Londra.

Per la professoressa Bal, Salcedo produce un’arte politica il cui obbiettivo non è tanto di evidenziare una singola verità, quanto di offrire uno spazio nel quale si possono trovare molteplici interpretazioni e significati. Secondo Mieke Bal la cosa più importante che crea Doris Salcedo è lo spazio di dialogo tra la scultura e chi la guarda.

Cosi la fessura alla Tate Modern, installata nel 2007, in piena Guerra d’Iraq (2003-2011) permette, per esempio, di prendere il tempo di pensare alla ‘strana guerra’ che ha portato le potenze occidentali, condotte da Stati-Uniti ed Inghilterra, allo stato bellico, alla spaccatura della guerra.

Oppure, suggerisce Bal, ci si può vedere la fessura tra migranti non-occidentali e paesi Europei e Nord-Americani, ricchi ma spesso ostili, nei quali molte persone cercano lavoro e rifugio.

Davanti all’immensità di quella crepa silenziosa e dirompente, posta alla base dello spazio svuotato dell’ex-centrale elettrica londinese, non si può far altro che riflettere. Cosi Doris Salcedo, attraverso il potere non verbale della scultura, dà voce a coloro che sono messi a tacere.

© Melissa Pignatelli 2012
Recensione di Of What One Cannot Speak di Mieke Bal, University of Chicago Press, 2010 in Visual Anthropology Review, Vol. 28, Issue 1, Maggio 2012.
Melissa Pignatelli

Rispondi