Eventi, Mostre
comments 3

L’Arte della Bicicletta

Pedalando nel Passato, Firenze in Bicicletta al Museo Galileo

Zen, l’arte della bicicletta.

Un’arte lenta e sostenibile, messa in mostra a Firenze al Museo Galileo.

La storia della bicicletta illustra come gli artigiani, i commercianti, i servizi pubblici e gli artisti riadattavano i velocipedi alle loro esigenze di mestiere. Agile, camaleontica e versatile la bicicletta è un mezzo di trasporto insostituibile, valorizzato dall’uso silenzioso dei suoi appassionati.

Nell’esposizione al Museo Galileo, si percorre, guardando le biciclette, uno spaccato di vita popolare tra i primi anni del Novecento e il secondo dopoguerra. Vere e proprie botteghe ambulanti, le biciclette sono modificate e attrezzate con vari strumenti per lo svolgimento delle più diverse attività, necessarie allo svolgimento della vita quotidiana.

Osservandole, non si riesce quasi a capire come se ne possa fare a meno, o perché la bicicletta non ritorna ad essere un mezzo di trasporto centrale nelle nostre vite – per chi abita centri storici o città con poco dislivello.

 

La Bicicletta del Pittore

bicicletta del pittore

Con la diffusione della bicicletta, gli artisti en plein air iniziarono a utilizzarla per girare nelle campagne e soffermarsi nei luoghi che più li attraevano. Di solito il veicolo era dotato di valigie in legno per colori, pennelli, stracci e tavolozza. La valigia anteriore si poteva trasformare in cavalletto.

La Bicicletta del Fotografo

Bicicletta Fotografo

Molti fotografi iniziarono ad usarla per raggiungere i clienti lontani o per muoversi in città, recandosi a matrimoni, battesimi e comunioni. Oltre ai primi apparecchi fotografici portatili, sulla bicicletta trovavano posto cavalletto in legno, scatole per le lastre, ombrello e stoffa nera.

La Bicicletta del Bottaro

La bicicletta del bottaro

Il lavoro del bottaro era molto importante nelle zone di produzione del vino; consisteva nel costruire e riparare recipienti in legno come botti, tini, barili. Anch’egli si serviva della bicicletta per recarsi dove era richiesto il suo intervento, portando con sé l’attrezzatura indispensabile: morsa, morsetti, imbuto e pialle, oltre a un piccolo campionario costituito da botticella e secchio.

La Bicicletta del Cardalana

Bicletta del Cardalana

 

In passato, i materassi estivi erano imbottiti di fibre vegetali e quelli invernali di lana. Questi ultimi dovevano essere periodicamente svuotati: l’imbottitura era passata nel cardalana per “allargarla” e farla tornare soffice. Il materassaio, figura oggi quasi scomparsa, si muoveva con un triciclo dotato di cassone sul quale era montato il cardalana, con spazzola metallica e piccoli strumenti per svuotare e riempire i materassi.

La Bicicletta del Burraio

Bicicletta del Burraio

Questa bicicletta è provvista di una zangola a manovella, l’attrezzo per estrarre il burro dalla crema di latte e impastarlo, ottenendo le forme desiderate. La dotazione comprende un contenitore di legno con setaccio e spatola e una stadera per pesare.

La Bicicletta del Pompiere

Bicletta del Pompiere, Pedalando nel Passato, Museo Galileo, Firenze

La bicicletta serviva ai pompieri per spostarsi agevolmente a seguito del carro che trasportava la pompa e le scale. Venne modificata in modo che il telaio potesse contenere l’alloggiamento per la manichetta. Nella parte posteriore si trovavano il casco e l’ascia, sul manubrio era fissata la lancia antincendio.

Un movimento, quello della bicicletta, trasversale, che conquista a tutte le età, uomini, donne, bambini, in diverse parti del mondo.

Un mezzo di trasporto nel quale Firenze crede e che consente, nella regione Toscana e in Italia, nuove forme di turismo, sostenibile, ecologico e sensoriale.

© Melissa Pignatelli

Mostra “Pedalando nel Passato” fino al 17 Novembre 2013 al Museo Galileo, Piazza dei Giudici,1. Firenze. Aperto dalle 9.30 alle 18.00, martedi dalle 9.30 alle 13.00. email: info@museogalileo.it, +39 055 265311. Mostra ideata da Museo Galileo, Istituto e Museo di Storia della Scienza. Organizzata in collaborazione con il Comune di Firenze, la collezione di biciclette Marco Paoletti, la Fondazione Sistema Toscana, Opera Laboratori Fiorentini di Civita Group. Con la partecipazione della Biblioteca delle Oblate e l’Archivio Storico del Comune di Firenze.

Museo Galileo

Percorsi di Cicloturismo in Toscana

Mondiali di Ciclismo a Firenze

 

Melissa Pignatelli

3 Comments

Rispondi