Antropologia, Arte, Scienze Sociali
Leave a comment

Cosa fa l’Arte?

antropologia dell'arte, alfred gell, agire sociale, agency, art, anthropology, network-of-stoppages-1914, marcel duchamp, dada

 

In Art and Agency, Alfred Gell suggerisce che l’Estetica abbia proposto teorie molto troppo passive per l’interpretazione delle opere d’arte e pone l’attenzione su come l’arte abbia una sua forma di azione strumentale: fa delle cose ed è un mezzo per influenzare i pensieri e le azioni degli altri.

Nell’ottica di Gell gli oggetti d’arte incorporano intenzioni complesse e mediano l’azione sociale; una concettualizzazione che fonde insieme persone e cose, interpretazione ed azione.

Con queste idee radicalmente nuove, e pubblicate postume nel 1998, Gell trasforma il potere seduttivo dell’arte in un potere attivo: l’opera d’arte diventa un punto dal quale costruire un discorso in uno spazio pubblico, con il coinvolgimento dello spettatore che diventa “attore”, che agisce il messaggio captato dall’opera d’arte.

Lo studio di Gell è basato sull’osservazione di forme artistiche alle Isole Marchesi, e sull’analisi delle loro forme di inserimento in sistemi relazionali complessi: “le opere d’arte sono agenti sociali in quanto sono il prodotto di iniziative sociali che riflettono una sensibilità specifica e socialmente inculcata”.

“Definisco l‘antropologia dell’arte come lo studio teoretico delle relazioni sociali in prossimità di oggetti che mediano l’agire sociale. Suggerisco che l’antropologia dell’arte proceda sulla base dell’idea che gli oggetti d’arte sono equivalenti alle persone, e più precisamente, ad agenti sociali”.

Trasportata nella comunità scientifica occidentale, quest’osservazione potrebbe connotarsi anche di una vena critica verso l’eurocentrismo degli storici dell’arte.

Melissa Pignatelli

Fonte citata e tradotta da Melissa Pignatelli: Alfred Gell, Art and Agency. An Anthropological Theory, Oxford University Press, Oxford, 1998.

Immagine (anche in copertina del libro): The Network of Stoppages, Marcel Duchamp, 1914. Succession Marcel Duchamp, ADAGP, Paris and DACS, London, 1998. Fonte digitale su WikiArt qui.

Per approfondire:

Link all’acquisto del volume “Art and Agency” qui (testo in  Inglese)

Recensione nelle Presses du Réel qui (francese).

Agency, oggetto, immagine. L’antropologia dell’arte di Alfred Gell e l’antichità classica, paper di Giuseppe Pucci disponibile qui. 

 

 

Melissa Pignatelli

Rispondi