Arte, Fotografia, Mostre
Leave a comment

La Guerra in Italia di Robert Capa

Anche se avete già visto recentemente le fotografie di Robert Capa, il modo in cui ritrae scene di distruzione e di ordinario combattimento vale la pena di essere rivisto.

Le settantotto fotografie mostrano una guerra fatta di gente comune, di città italiane e piccoli paesi ridotti in macerie, di soldati e di civili,  vittime di una stessa strage. L’obiettivo di Robert Capa tratta tutti con la stessa solidarietà, fermando la paura, l’attesa, l’attimo prima dello sparo, il riposo, la speranza.

Specie in questi tempi di grandi tensioni e sfide internazionali, ricordare momenti al fronte riporta l’attenzione su un passato intriso di violenza al quale non si vorrebbe (presumibilmente) tornare.

Fotografia in copertina: Anziana donna tra le rovine di Agrigento, 17-18 luglio 1943. Photograph by Robert Capa. © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum.

In coda per l’acqua in una via di Napoli, ottobre 1943. Photograph by Robert Capa. © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum

In coda per l’acqua in una via di Napoli, ottobre 1943. Photograph by Robert Capa. © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum

Mostra: ROBERT CAPA IN ITALIA (1943 – 1944) dal 5 marzo al 10 luglio 2016, Galleria di Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada”, Via Folgore da San Gimignano 11, San Gimignano (Siena). 

Informazioni
www.sangimignanomusei.it;

prenotazioni@sangimignanomusei.it

call center info e booking 0577/286300

In coda per l’acqua in una via di Napoli, ottobre 1943. Photograph by Robert Capa. © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum.

Soldati americani a Troina, nei pressi della cattedrale di Maria Santissima Assunta, dopo il 6 agosto 1943. Photograph by Robert Capa. © International Center of Photography/Magnum – Collection of the Hungarian National Museum.

 

Melissa Pignatelli

Rispondi