Artisti, Comunicazione, Psicologia
Leave a comment

Volevi dire “Grazie” invece hai detto “Scusa”?

Yao Xiao è un’illustratrice che mostra una visione poetica del mondo nella quale esamina e dà una forma fisica a concetti complessi ed emozioni. Yao Xiao è di origine cinese e vive a New York dove ha notato che le persone si scusano moltissimo, ma in realtà stanno solo cercando un modo per dimostrare la loro gratitudine a chi le sta ascoltando, incontrando, consigliando. Così, con delle vignette profonde e dense di significati, l’artista ha mostrato come quello che diciamo non è sempre esattamente in linea con quello che sentiamo e che vorremmo esprimere.

E’ meglio dire “grazie per la tua pazienza” che “scusa, sono sempre in ritardo”. © Xiao Yao

E’ meglio dire “grazie per la tua pazienza” che “scusa, sono sempre in ritardo”. ©Yao Xiao

Yao Xiao, ha fatto di questa abitudine un divertente cartoon, che ha conquistato i lettori inglesi  di The Independent. La serie di vignette ci racconta che non dovremmo sentire il bisogno di scusarci solo per il fatto di esistere o di aver bisogno di qualcosa. E che se al posto di “scusa” usassimo “grazie” l’effetto sarebbe di gran lunga migliore sia su noi stessi che sulle persone che ci circondano.

Apprezza gli altri per quello che hanno già fatto, che ne siano consapevoli o meno. Non scusarti di esistere, perché non c’è niente di male. Se vuoi dire grazie, non chiedere scusa. © Yao Xiao

Apprezza gli altri per quello che hanno già fatto, che ne siano consapevoli o meno. Non scusarti per il semplice fatto di esistere, perché non c’è niente di male. Se vuoi dire grazie, non chiedere scusa. © Yao Xiao

Riconoscere l’impegno di chi capisce i nostri ritardi, di chi vede la forza nelle nostre debolezze, di chi ascolta i nostri sfoghi fa bene a entrambe le parti e fa bene alla società. Il  lavoro di Yao Xiao ha aiutato persone in tutto il mondo a connettersi in maniera unica.

Se vuoi dire “grazie dell’apprezzamento”, non dire “scusa, prendo un sacco di posto”. © Yao Xiao

Se vuoi dire “grazie che mi apprezzi”, non dire “scusa se ti impegno così tanto”. © Yao Xiao

Non ci sono più scuse per assumerci chi siamo nelle relazioni: un grazie a chi ci sta accanto è meglio!

Articolo originale comparso su Indi100 – The Indipendent:

“These sweet, thoughtful cartoons show what you should be saying instead of sorry”

© Vignette di Yao Xiao. La pagina dell’artista Yao Xiao 

Traduzione italiana delle vignette a cura della redazione LaRivistaCulturale.com (CC) BY-NC

Se vuoi dire “grazie per avermi ascoltato”, non dire “scusa, sto parlando a vanvera”. © Xiao Yao

Se vuoi dire “grazie per avermi ascoltato”, non dire “scusa, sto parlando a vanvera”. © Xiao Yao

La Redazione

Rispondi