Festival, Video Art
Leave a comment

“Diffrazioni”: Festival tra arte e tecnologia

“Diffrazioni è un festival multimediale che propone tutto ciò che ha a che fare con la crescita della cultura, della tecnologia, del pensiero, quindi la conoscenza della vita e di ciò che è la vita anche a livello cellulare.

Questo influenza lo spirito creativo e descrittivo della nostra contemporaneità e gli artisti di oggi intrecciano queste esperienze perché fanno arte con qualunque forma e in qualunque contesto. L’arte racconta, come è sempre stato, la contemporaneità e la propria vita. Oggi la contemporaneità è fatta di queste cose, di tecnologia, scienze, di scoperte e quindi anche l’arte vive e si nutre di questo materiale.

Vogliamo che Diffrazioni sia una sorta di supermercato, dove si trovano un sacco di prodotti, e come ci capita in un supermercato, vogliamo che le persone vengano perché c’è qualcosa che suscita il loro interesse, un nome, un evento, ma che tornino a casa con il carrello pieno, perché qui possono trovare tante altre cose. E poi vogliamo creare occasione di scambio e di incontro tra gli artisti e i ricercatori di tutto il mondo”, così racconta Alfonso Belfiore ideatore del Festival Multimediale giunto alla sua seconda edizione.

In programma opere di artisti come Bill Viola, Nam June Paik, John Nichols, Terry Flaxton, Avatar Orchestra, Albert Mayr e Akira Takaoka, Marina Abramovich, performance di giovani artisti selezionati e una mostra sugli strumenti dedicata a Pietro Grossi, nei 50 anni dalla nascita della prima cattedra di musica elettronica.

Qui sotto pubblichiamo un pezzo dell’opera di videoarte “The Passing” di Bill Viola, del 1991 in cui l’artista riflette sulla morte e la nascita come simboli dell’assurdità della condizione umana.

Dal 21 al 27 novembre a Firenze  saranno protagoniste le arti multimediali, con 130 opere di 150 artisti internazionali, tra performance, concerti, installazioni, incontri e masterclass.

Tra gli eventi, si segnalano la proiezione dell’opera di videoarte “The passing” di Bill Viola, del 1991, riflessione sulla morte e la nascita come simboli dell’assurdità della condizione umana (25/11, ore 16, Palazzina Reale); “Video-film concert” di Nam June Paik e Jud Yalkut, realizzato tra il ’66 e il ’72, irriverente critica alla cultura di massa, con l’utilizzo di tecniche pioneristiche di elaborazione elettronica delle immagini e “SSS” di Marina Abramovic, del 1989, racconto biografico di momenti importanti della vita dell’artista, in collaborazione con il videomaker Charles Atlas (entrambi 26/11, ore 16, Palazzina Reale). Le opere saranno introdotte da Maggie Jackson.

Nel programma, Esther Lamneck condurrà dal 23 al 26 novembre la Masterclass Multimedia Ensemble Lab, un laboratorio con un gruppo di musicisti e studenti di alto livello, guidandoli a suonare insieme interagendo con strutture musicali elettroniche e visual, realizzando così improvvisazioni dove immagini e musica dal vivo e registrata diverranno un tutt’uno. Questo lavoro sarà presentato nel concerto finale, a cui saranno presenti anche Mara Helmuth, Jorge Sosa, David Durant, Edmar Soria, compositori di opere multimediali scritte per l’MNT Ensemble (Musica e Nuove Tecnologie) del conservatorio. Le opere saranno eseguite in prima assoluta (27/11, ore 21, Palazzina Reale).

Tra i contributi, da sottolineare quello con Giacomo Rizzolatti, candidato premio Nobel per la scienza, di cui sarà proiettata un’intervista in cui parlerà dei neuroni specchio (26/11, ore 11.30, Sala convegni, Palazzina Reale) e la partecipazione di Silvio Garattini, scienziato italiano, ricercatore scientifico in farmacologia, medico e docente in chemioterapia e farmacologia, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” (23/11, conferenza inaugurale, Palazzo Medici Riccardi, ore 16).

Questa è la seconda edizione di “Diffrazioni – Firenze Multimedia Festival”, dedicato a arte e tecnologia. Il festival è organizzato dal Conservatorio Luigi Cherubini e diretto da Alfonso Belfiore, con il coordinamento di Paola Lopreiato.

Gli eventi si terranno tra la Palazzina Reale, Palazzo Rosselli-Del Turco, Museo di Casa Martelli, Palazzo Medici Riccardi e Le Murate (ingresso libero).

diffrazioni-arte-e-multimedia-festival-firenze

Tutto il programma del Festival cliccando su “DiffrazioniFestival” qui.

Tutti gli eventi del festival sono ad ingresso libero. L’accesso alla masterclass e al workshop è riservato agli iscritti. Per ulteriori informazioni www.conservatorio.firenze.it.

Immagine: Marina Abramovic e Charles Atlas, SSS, 1989, 6 minuti, Link alla proiezione qui.

Il Festival Diffrazioni è organizzato dal Conservatorio Luigi Cherubini, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, con il patrocinio del Comune di Firenze e con la collaborazione di New York University, University of Chester, Fiesolearte, Fondazione Architetti Firenze, Ordine Architetti Firenze, Le murate – Progetti Arte Contemporanea, ESE – European School of Economic, Museo Nazionale del Bargello. 

La Redazione

Rispondi