Cultura, Eventi
Leave a comment

L’Arte di Pistoia Capitale della Cultura nel 2017

“L’arte è una risorsa di ogni cittadino italiano. Ritornerà a suonare l’orologio del Duomo, riaprirà la fortezza, riprenderà valore quello che conta, perché sappiamo che ciò che conta è invisibile agli occhi”. E’ un sindaco dal taglio filosofico, Samuele Bertinelli, colui che annuncia che sarà Pistoia a riprendere il testimone da Mantova per essere la capitale italiana della cultura del 2017.

A Giovanni Michelucci, architetto nato a Pistoia sarà dedicata uno sorta di retrospettiva completa con “Le Città di Michelucci”e ripubblicato un testo curato da Antonio Paolucci. A Ippolito Desideri, missionario gesuita che volle un ponte tra oriente e occidente, che viaggiò fino a Lhasa in Tibet, che spiegò il buddismo, quello di cui parla il Dalai Lama sarà dedicato un convegno e una mostra fotografica.

Tanti eventi e retrospettive in programma, (consultabile qui Pistoia17.it), con un taglio qualitativo che è proprio dei grandi eventi pistoiesi (Pistoia Blues, I Dialoghi sull’Uomo, Leggere la Città) ma “rispetteranno il carattere un po’ nascosto della città e dei suoi cittadini”, racconta il Sindaco Bertinelli, con un tocco accalorato che sottolinea una certa emozione del primo cittadino per quest’evento, così importante per la sua città. “Anche Tiziano Terzani che scelse di vivere nella valle dell’Orsigna, e che consideriamo un nostro concittadino, si ritrovò nel silenzio e nel carattere un po’ nascosto dei pistoiesi”. 

Il rapporto con l’ambiente e con l’arte che sono elementi chiave del patrimonio: dall’arte antica a quella contemporanea, il territorio pistoiese è  ricco capolavori. Uno assoluto nel suo genere è quello della Collezione Gori della Fattoria di Celle: una collezione di arte ambientale dislocata laddove le opere si fondono meglio con le caratteristiche del parco romantico, secondo progetti originali e site-specific presentati dagli artisti a Giuliano Gori, il quale sceglie per poi goderne in maniera raccolta. La Collezione infatti non è sempre aperta al pubblico, e questo in qualche modo la avvolge anche di un certo mistero, che come le nebbie mattutine impreziosiscono l’arrivo del sole.

Nel frattempo i restauri delle chiese cittadine di San Pier Maggiore, San Salvatore e San Jacopo in Castellare, dell’Ospedale del Ceppo con il suo Fregio Robbiano, il ritorno della Visitazione di Luca della Robbia a luglio, la mostre su Marino Marini ed il complesso degli eventi in programma dimostrano quanto sia reale che l’arte in tutte le sue forme è una direttrice importante per la presentazione di Pistoia a tutti quanti vorranno visitarla nel 2017.

Perché, come hanno detto bene le istituzioni presenti, la cultura deve tornare ad essere alla portata di tutti, una ricchezza aperta ed alla quale ogni cittadino ed ospite del nostro territorio italiano possa attingere.

Melissa Pignatelli

Melissa Pignatelli

Rispondi