Cultura, Storie d'Altri
Leave a comment

“Meridiano zero”: nasce la rassegna di film documentari per raccontare i sud del mondo

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ed il Festival dei Popoli –  Festival Nazionale per il Film Documentario annunciano una nuova collaborazione per la 58° edizione: una selezione congiunta di film documentari per la rassegna “meridiano ZERO” che sarà dedicata ai Paesi prioritari della Cooperazione italiana. I film documentari vincitori della selezione saranno presentati al prossimo Festival dei Popoli in programma a Firenze dal 10 al 17 ottobre 2017.

Tutti gli autori delle opere ammesse alla rassegna saranno invitati dall’Agenzia a presentare un progetto inedito di documentazione video, dedicato a un soggetto di interesse per AICS. Il progetto ritenuto più significativo ed efficace rispetto alle priorità tematiche dell’Agenzia riceverà un contributo massimo di 5.000,00 euro e potrà essere realizzato nel 2018.

Il focus sarà su tre aree tematiche di riferimentoSicurezza alimentare; Migrazioni; Cultura, patrimonio culturale, industrie creative, turismo sostenibile. Non sono previsti vincoli di nazionalità per gli autori e la produzione. Sono ammesse opere video prodotte a partire dal 1 gennaio 2012.

Saranno ammesse alla selezione opere girate nei 22 Paesi prioritari della Cooperazione italiana per il triennio 2016-2018:
– AFRICA SUB-SAHARIANA: Burkina Faso, Etiopia, Kenya, Mozambico, Niger, Senegal, Somalia, Sudan, Sud Sudan;
– MEDITERRANEO: Egitto, Tunisia;
– MEDIO ORIENTE: Giordania, Libano, Palestina;
– BALCANI: Albania, Bosnia;
– AMERICA LATINA E CARAIBI: Bolivia, Cuba, El Salvador;
– ASIA: Afghanistan, Myanmar, Pakistan.

Le opere video potranno essere proposte alla selezione entro il 20 agosto 2017 compilando on-line la scheda di partecipazione, disponibile a questo link per accedere al sito internet dell’AICS.

Perché chiamare la rassegna “meridiano zero”? Perché alla distanza di 11°15’ dal meridiano di Greenwich, in direzione est, corre il meridiano zero della carta di Peters, la proiezione del mondo che rappresenta le dimensioni dei Paesi come direttamente proporzionali alle loro superfici. Quel meridiano, asse longitudinale di una carta che intende riflettere con equità la grandezza dei territori, attraversa la città di Firenze e da questa prende il nome di Florence Meridian.

E’ una carta originale, quella di Peters, che offre una visione del mondo diversa da quella abituale, necessariamente imperfetta ma accurata nel cogliere aspetti che sfuggono alle percezioni convenzionali. Con un’attenzione particolare alla rilevanza dei luoghi e dei popoli che si trovano nella fascia tropicale del pianeta.

L’iniziativa si inserisce nel percorso ideato dall’AICS per coinvolgere il pubblico ed anticipare l’interesse per la prima Conferenza Nazionale della Cooperazione che si terrà nella primavera 2018.

La Redazione

Per maggiori informazioni e per accedere al regolamento e link per presentare documentazione per partecipare consultare il sito dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, link qui.

Il Festival dei Popoli: Fondata nel 1959 da un gruppo di studiosi di scienze umane, antropologi, sociologi, etnologi e mass-mediologi, l’associazione senza scopo di lucro Festival dei Popoli è impegnata da oltre cinquanta anni nella promozione e nello studio del cinema di documentazione sociale.

La Redazione

Rispondi