Africa, Cultura, Curiosità
Leave a comment

Cultura “afro-italiana” e gli appuntamenti per conoscerla

la pietra dialogues NYU approfondimenti incontri, black history Month cultura storia africa italia

Nonostante gli scambi culturali tra Africa e Italia non siano un fenomeno recente, la storia della cultura “afro-italiana” rimane ancora poco conosciuta. L’Università di New York organizza, nella sua sede fiorentina a Villa La Pietra a partire dal  5 febbraio 2018, un ciclo di quattro incontri e conferenze per approfondire gli aspetti centrali di questi legami culturali e la loro influenza sulla riflessione attuale sulla migrazione.

Il primo appuntamento, lunedì 5 febbraio 2018, alle 18.00, prevede la lettura commentata delle opere di due scrittori contemporanei Ishion Hutchinson, poeta di origine afro-jamaicana, e Geronimo Johnson, scritto afroamericano, entrambi residenti in Italia e ospiti della American Accademy di Roma.

Seguirà il martedì 13 febbraio, alle 18.00, un intervento in lingua inglese  di carattere storico dal titolo Common Threads: Cloths, Color and The Slave Trade in Early Modern Kongo and Angola (Fili Comuni: Vestiti, Colori e la Tratta degli Schiavi tra i Kongo e in Angola nella prima Epoca Moderna) a cura della Professoressa dell’Università di Chicago Cécile Fromont. La lezione si concentrerà sul modo in cui la tratta degli schiavi, iniziata tra il Seicento e il Settecento, abbia progressivamente trasformato le tradizioni e le società del gruppo etnico Kongo presente in Angola e nell’attuale Repubblica Democratica del Congo, due Paesi dell’Africa centrale atlantica.

Il giorno successivo, mercoledì 14 febbraio 2018 alle 18.00, Mauro Valeri, sociologo e collaboratore del Dipartimento per le Pari Opportunità presso l’Ufficio della Presidenza del Consiglio, approfondirà la storia degli “afroitaliani”, la comunità africana immigrata in Italia, nella sua lezione: Black Italians a Story That Still Needs to Be Written (Italiani Neri una Storia che Deve Ancora Essere Scritta).

Il ciclo si concluderà, lunedì 26 febbraio 2018 alle 19.15, con una conferenza a cura di Angela Pesarini, Professoressa dell’Università di New York a Firenze, sul tema specifico della storia coloniale italiana. L’intervento  “L’Italia non è un paese meticcio”: Racism and Belonging in Contemporary Italian Political Discourse (Razzismo e Appartenenza nel Discorso Politico Italiano contemporaneo) permetterà di contestualizzare la migrazione odierna nella storia coloniale italiana, con particolare riferimento ai “meticci” gli italiani nati da coppie miste nei paesi dell’Africa Orientale.

Gli incontri si terranno a Villa La Pietra, in via Bolognese, 120 – Firenze, la prenotazione è obbligatoria è quindi necessario confermare la presenza all’indirizzo: lapietra.dialogues@nyu.edu.

I quattro incontri sono inseriti nel contesto del Black History Month di Firenze, per maggiori appuntamenti è possibile visitare il sito de Il Reporter.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito, qui.

La Redazione

In fotografia: Cinema Impero di Asmara, Eritrea,David Stanley, 2012. Lo stile Art Deco fu portato nella capitale eritrea dagli architetti italiani durante nella prima metà del Novecento, il particolare stile architettonico di Asmara è oggi riconosciuto Patrimonio Mondiale delll’UNESCO.

La Redazione

Rispondi