Cultura, Storie d'Altri
Leave a comment

I film e i cortometraggi da non perdere al Festival Middle East Now, 10 – 15 aprile 2018, a Firenze

Il Festival Middle East Now, in programma dal 10 al 15 aprile 2018 a Firenze presso il Cinema La Compagnia e il Cinema Stensen, offre la possibilità di ampliare lo sguardo sulla contemporaneità del Medio Oriente per mostrarne le contraddizioni, le sfaccettature, le guerre ma anche le aspirazioni e le speranze dei giovani, le trasformazioni culturali avvenute con lo sviluppo del digitale, le storie di chi ha affrontato le avversità trasformandole in possibilità.

Attraverso i film e i cortometraggi è possibile conoscere la diversità delle realtà: dall’estremismo religioso e radicale, passando anche per la cucina e la musica heavy metal si entra, anche con un pizzico di ironia, nella quotidianità di chi sogna un mondo o una vita diversi, nel bene e nel male.

Ecco dunque una selezione dei film da non perdere alla nona edizione del Festival Middle East Now.

Of Fathers and Sons  di Talal Dekri – mercoledì 11 aprile, ore 20.45, Cinema La Compagnia
Il regista siriano Talal Derki, che sconvolse il mondo con il suo Return to Homs, torna in patria stavolta fingendosi un fotoreporter filo-jihadista che realizza un documentario sull’ascesa del califfato. Il risultato è un ritratto crudo e senza filtri del generale Abu Osama – leader islamista radicale di Al-Nusra, braccio siriano di Al-Qaeda – e del branco di giovani ragazzi che lo idolatra. Il loro capo è il figlio di Osama – che si chiama come l’eroe per- sonale di papà, Osama bin Laden – e il film segue la loro crescita in un campo di addestramento.

 

Soufra di Thomas A. Morgan – giovedì 12 aprile alle ore 20.45, Cinema La Compagnia
Soufra racconta l’avventura avvincente di un’imprenditrice sociale, Mariam Shaar, rifugiata palestinese che ha trascorso tutta la sua vita nel campo profughi di Burl El Barajneh in Libano. Nonostante il suo status di rifugiata, per questo esclusa dai lavori migliori a Beirut, Mariam assieme a un gruppo di donne gestisce con successo la società di catering Soufra (“tavolo pieno di delizie” in arabo), e lotta per espandere le attività al di fuori del campo grazie all’acquisto di un food truck. Una storia emozionante di empowerment, che ha come produttore esecutivo Susan Sarandon, su un gruppo di donne che sanano le ferite della guerra attraverso il potere unificante del cibo.

 

Iman di Mia Bittar – anteprima mondiale – sabato 14 aprile alle ore 15.00, Cinema La Compagnia
La storia ispirata a fatti reali di quattro giovani sudanesi provenienti da diversi background sociali e percorsi di vita, che per circostanze particolari si ritrovano attratti dall’estremismo più radicale. Le loro storie si intrecciano per tutto il film ma i personaggi non si incontrano mai. Il film indaga il volto umano della piaga dell’estremismo violento, le dinamiche e le ragioni che portano a fare scelte di vita estreme.

 

Rockabul  di Travis Beard – domenica 15 aprile alle ore 21.00, Cinema La Compagnia
I District Unknown sono la prima band heavy metal dell’Afghanistan, animati da una passione smisurata più che da reali capacità musicali. Il musicista e regista Travis Beard li scopre nel 2009, e da allora ne segue la carriera, compresa la sfida più grande: in Afghanistan la musica rock è considerata satanica dai fanatici religiosi e chi la pratica è perseguitato. “Rockabul” racconta la scena musicale underground di Kabul, gli spazi nascosti ma anche l’unico festival musicale del paese, il Sound Central. I District Unknown diventato a poco a poco famosi, anche oltre i confini del loro paese, ma la loro popolarità aumenta anche il pericolo a cui sono esposti i componenti della band. Riuscirà l’amore per il loro paese, per la loro la band e per le loro famiglie, a essere più forte del richiamo verso una vita più normale all’estero?

Per la sezione cortometraggi abbiamo selezionato:

Kurdistan TV SPOT di Mohammed Sina – giovedì 12 aprile alle pre 20.45, Cinema La Compagnia
Selezione di 6 spot pubblicitari girati per la TV in Kurdistan a tema culinary e con un pizzico di ironia.

 

One Day in Aleppo di Ali Alibrahimi – venerdì 13 aprile alle ore 15.00, Cinema La Compagnia
Dopo cinque mesi di assedio soffocante e di bombardamenti quotidiani nella città di Aleppo, un gruppo di bambini si mette per gioco a colorare la città, per dimenticare le difficoltà di ogni giorno e mostrare ottimismo alle centinaia di migliaia di persone intrappolate nella città.

In fotografia Flying Boys di Tamara Abdul Hadi.

Le fotografie di Tamara Abdul Hadi saranno esposte durante il Festival in due mostre: Flying Boys prevista dal 10 al 15 aprile 2018 nell’ingresso del Cinema La Compagnia.
Mentre The People’s Salon è ospitata dalla Fondazione Studio Marangoni (via San Zanobi, 32r) dal 12 aprile al 31 maggio 2018.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il programma delle mostre del Festival Middle East Now, qui.

La Redazione

Rispondi