Arte, Cultura
Leave a comment

“Cosa possiamo immaginare?”, il tema dei talks di miart 2018

Riuniti sotto il titolo “Che cosa possiamo immaginare?” i miartalks 2018 esploreranno la dimensione dell’immaginazione come una forza che crea e trasforma la realtà e non come una fuga dal presente. Ci si domanderà se l’immaginazione è un diritto di tutti o se esistono delle condizioni sociali, economiche e politiche che la precludono; dove è possibile immaginare e se ci sono luoghi nel mondo dove immaginare è vietato; come l’immaginazione può diventare un esercizio quotidiano e, infine, che cosa possiamo immaginare per un futuro che è già qui?

La ventitreesima edizione di Miart, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea, torna a Milano dal 13 al 15 aprile 2018 per presentare il dialogo tra arte moderna, arte contemporanea e design da collezione, con la presenza di opere che spaziano dai primi anni del Novecento fino alle più recenti esperienze internazionali.

Saranno ospitate 184 gallerie, di cui 75 straniere, che raggruppano lavori in sette sezioni diverse, Established, Established Masters, Emergent, Generations, Decades, On Demand e Object, nelle quali l’intento degli organizzatori è  valorizzare trasversalmente i singoli artisti.

miart 2018 dal 13 al 15 aprile 2018 fieramilanocity ingresso viale Scarampo, Milano gate 5, padiglione 3, per info e biglietti www.miart.it.

I #miartalks  sono curati da Fatoş Üstek (Direttrice e Capo Curatrice, David Roberts Art Foundation, Londra) miart rinnova la propria collaborazione in questo ambito con In Between Art Film – la casa di produzione per film d’artista e video sperimentali fondata da Beatrice Bulgari.

Tutti gli appuntamenti di #miartalks qui. 

Melissa Pignatelli

Rispondi