Cultura, globalizzazione, Teoria
Leave a comment

Il senso degli altri, nel pensiero di Marc Augé

il senso delgi altri antropologia attualità alterità Marc Augé

Marc Augé, antropologo francese più conosciuto per aver parlato di non-luoghi (i.e. quei posti di grande passaggio dove la memoria ed i rituali faticano a sedimentarsi, come ad esempio gli aereoporti, le stazioni…), ha scritto una premessa molto interessante al suo libro Il senso degli altri (Bollati Boringhieri, 2000), così acuta che vale la pena ricordarla. In un periodo dove l’attualità politica e sociale sembra atrofizzarsi attorno agli ego, al senso del sé delle persone potenziato dai social network, gli individui sembrano aver lasciato di lato il senso sociale, quel senso che ci viene degli altri, senza i quali non sopravviveremmo a lungo come specie.

“Il senso degli altri: questo titolo può essere inteso in due modi. In una prima accezione, il senso degli altri, come il senso della famiglia, il senso del disegno o il senso d’orientamento, è un dono acquisito o innato, che varia a seconda degli individui, dei gruppi o delle epoche. Così si potrebbe dire che oggi in Europa il senso degli altri si attenua e insieme si acuisce .Si attenua, in quanto a tollerare la differenza sparisce. Ma questa intolleranza in sé crea, inventa, struttura l’alterità: i nazionalismi, i regionalismi, i fondamentalismi,  le imprese di “purificazione etnica” rinviano non tanto ad una crisi d’identità, quanto ad un imbizzarrirsi  dei processi generatori di alterità.

Quasi fossero alla ricerca di un livello pertinente di identità collettiva (identità che indebitamente sostanzializzano), alcuni raggruppamenti umani non cessano di secernere alterità, di fabbricare l’altro e perciò di decomporsi, come se, al contrario della differenziazione cellulare, questa incessante differenziazione sociale fosse portatrice di morte.

In una seconda accezione (che fa degli “altri” non più l’oggetto ma il soggetto del senso), il senso degli altri ci mette di fronte all’evidenza del senso elaborato dagli altri, individui o collettività. Ma le due accezioni sono collegate perché il senso di cui si tratta è il senso sociale, cioè l’insieme dei rapporti simbolizzati, istituiti e vissuti fra gli uni e gli altri all’interno di una collettività che questo insieme permette di considerare tale”.

Un atteggiamento aperto alla realtà complessa che ogni giorno scorre davanti a noi nei flussi che ci coinvolgono nei processi della globalizzazione, nella quale l’umanità delle persone altre-da-noi non può smettere di toccarci.

Melissa Pignatelli

Testo tratto dal libro: Marc Augé, Il senso degli altri, Bollati Boringhieri, Torino, 2000.

In fotografia Praia de Carcavelos, Between Lisbon and Cascais, Bernardo Ricci Armani, Cascais, Portogallo, 2015. Photographingaround.me

Melissa Pignatelli

Rispondi