Pubblicato il 10 Ottobre 2018

Migranti africani: la stragrande maggioranza rimane in Africa

di Barbara Palla

Il fenomeno migratorio in provenienza dall’Africa e diretto verso l’Europa, contrariamente ad alcune rappresentazioni che ne vengono fatte, non rappresenta che una percentuale minima di quanto avviene sul continente africano. La maggior parte dei flussi di persone in spostamento rimane infatti circoscritta entro i confini del continente africano, se non addirittura limitato alle regioni di appartenenza. Le analisi realizzate da Blessing U. Mberu e Estelle M. Sidze, e Marie-Laurence Flahaux, per il volume Out of Africa, Why Peolple Migrate a cura di Giovanni Carbone (ISPI, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, 2017), mostrano infatti come la maggior parte degli africani emigri entro una regione culturalmente affine alla propria.

Guardando ai dati di macro livello raccolti sui flussi e le tendenze degli spostamenti internazionali in Africa negli ultimi decenni, si nota da subito che essi sono coerenti le tendenze osservate negli altri continenti. Ovvero, in maniera simile a quanto avviene per i continenti europeo e asiatico, i migranti inter-nazionali africani risiedono in un’area culturalmente affine alla propria.

Proprio come mostrano Mberu e Sidze nel capitolo The Hidden Side of the Story: Intra-African Migration (L’aspetto nascosto della Storia: la migrazione intra-africana) i migranti economici africani tendono a cerca opportunità lavorative primariamente all’interno della propria area di appartenenza. In Africa Occidentale, ad esempio, la grande espansione del settore agricolo della Costa d’Avorio, così come le possibilità di impiego nel settore infrastrutturale e di estrazione del petrolio in Nigeria, hanno attratto un elevato numero di lavoratori, poco o molto qualificati, in provenienza dai paesi vicini come Ghana, Burkina Faso e Mali. Uno flusso peraltro reso più facile dall’assenza di visti lavorativi per i cittadini appartenenti ai paesi membri dell’ECOWAS (Economic Comunity of West African States, la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale di cui fanno parte Benin,  Burkina Faso, Costa d’Avorio, Capo Verde, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Togo. L’obbiettivo dell’ECOWAS è il raggiungimento dell’autosufficienza economica collettiva degli Stati attraverso il libero scambio delle merci, delle persone e dei capitali).

Una tendenza  simile si osserva nella regione australe dove la Repubblica del Sud Africa, in virtù della crescita del suo settore minerario e della sua solida economia nazionale, ha attirato e continua ad attirare e impiegare lavoratori provenienti dai paesi limitrofi come Lesotho, Mozambico, Malawi o Botswana.

Marie Laurence Flahaux, nel capitolo Demistifying African Migration: Trends, Destinations, Returns (Demistificare la migrazione africana: tendenze, destinazioni, ritorni), spiega come la decisione di affrontare uno spostamento di corta o lunga distanza dipenda anche dalla relazione tra il livello di istruzione raggiunto e le risorse economiche a disposizione. Flahaux spiega infatti che:

“Le persone, per esempio della Repubblica Democratica del Congo, con un livello di istruzione superiore, ovvero coloro che hanno superato la scuola secondaria, sono dieci volte più propensi a lasciare il paese rispetto a quelli che non sono andati oltre la scuola primaria. Nel caso studio del Senegal si osserva lo stesso risultato: un individuo maggiormente istruito è sei volte più favorevole allo spostamento rispetto a chi ha concluso l’istruzione primaria”.

Se dunque il livello di istruzione è determinante nella scelta di migrare, la distanza dipende dalle risorse economiche del nucleo familiare, è quindi solo una piccola parte quella che decide di affrontare il viaggio e la permanenza verso l’Europa.

A ben guardare quindi, non solo le migrazioni che escono dall’Africa sono nettamente minori rispetto a quelle che avvengono al suo interno ma non sono molto dissimili da quanto avviene ad esempio sul nostro europeo all’intero dei paesi membri dell’Unione Europea.

Barbara Palla

Giovanni Carbone (a cura di), Out of Africa, Why People Migrate, Istituto per gli Studi sulla Politica Internazionale, Milano, 2017.

Fotografia: Foto di promozione dell’Onomo Hotel di Lomé, Togo.

By |2018-12-11T10:31:20+00:0010 Ottobre 2018|Cultura, globalizzazione|