All posts filed under: Letteratura

“Il musulmano errante”: un racconto mediorientale

Il musulmano errante non è un libro facile. Il testo, dall’apparenza succinta, racconta una vecchio mistero religioso mediorientale nascosto tra le pieghe acute di una storia che il narratore, Alberto Negri, riporta quasi come le leggende orali, mescolandola con fatti ed eventi contemporanei. Le storie trattengono sempre qualcosa delle epoche che attraversano, delle tradizioni narrative […]

Lo scherno, una pratica tipica italiana

L’Italiano, mentre sfoggia un rapporto conformistico, per non dire opportunistico con il potere, cova e rilascia un comportamento sarcastico, corredato da un’ampia pratica del disprezzo: questo uno dei tratti culturali tipici (antropologici) degli abitanti del Belpaese. In Sberleffi di Campanile (Olschki Editore, 2015) Giancarlo Schizzerotto ricostruisce la storia dell’arte dello scherno come pratica costante della […]

“Corpi Docili”: controllare i corpi è una vecchia prassi della sorveglianza

“La disciplina è un’anatomia politica del dettaglio” afferma Michel Foucault in Sorvegliare e Punire, “procedurizzare le prassi, misurarle, apprezzarle, sanzionarle: per conoscere, per controllare e per utilizzare”. “La disciplina organizza uno spazio analitico”, che si può dunque sorvegliare e, se necessario, sanzionare. “Anche se quelli che si occupano di dettagli passano per gente con i […]

“La lettura nella vita. Modi di leggere, modi di essere”

– di Marielle Macé in Quaderni della Ricerca, Loescher Editore, Torino. «Andavo a ritrovare la vita, la follia nei libri. […] La fanciulla s’innamorava dell’esploratore che le aveva salvato la vita, tutto finiva con unmatrimonio. Da questi periodici e da questi libri ho tratto la mia più intima fantasmagoria…». Un giovane Sartre sguaina verso il […]

Bauman: “l’olocausto fu un prodotto della modernità”

Il nazionalismo, massima espressione della modernità che ha avvolto il secolo scorso, ha causato le catastrofi che ben conosciamo, fra le quali il primato spetta allo sterminio degli ebrei. Zygmunt Bauman ha analizzato l’olocausto in maniera particolare: per lui è un prodotto di quell’organizzazione efficiente tipica della modernità. Per Bauman infatti l’olocausto è stato un […]