All posts filed under: Pensiero

come siamo passati dalle tribu nomadi alla globalizzazione spiegato da Ugo Fabietti

Come siamo passati dal nomadismo alla globalizzazione?

Come siamo passati dalle tribù nomadi a quelle globali potete scoprirlo in un video che abbiamo selezionato per voi per il fine settimana. Mettetevi comodi in poltrona per ascoltare la video-lezione di Ugo Fabietti, uno dei più grandi antropologi italiani. È un’occasione rara che vi occuperà per un’oretta dandovi in pillole le basi del sapere […]

stranieri a noi stessi straniero julia kristeva antropologia teoria cultura

E se lo straniero fosse una parte di noi?

Chi è lo straniero? Julia Kristeva, semiologa e linguista, risponde in maniera originale a questa domanda con un argomento da psicanalista: una parte di noi stessi ci rimane spesso estranea perché facciamo fatica ad accettarla. Lo straniero è dunque in noi, come una sorta di controfigura con cui conviviamo, o che non sempre capiamo. Ma è “meglio […]

Le culture sono ibridi: creatività e spostamenti fanno parte della storia umana

In un mondo sempre più interconnesso nel quale le strumentalizzazioni delle politiche locali fanno pensare più ad un arretramento del pensiero piuttosto che ad un progresso, ci piace ricordare la riflessione di un grande antropologo italiano, Ugo Fabietti, sulla concretezza della cultura come un ibrido, qualcosa in continuo mutamento, rimescolamento, che si aggrega e si […]

olocausto giornata memoria zygmunt bauman modernità sociologia cultura antropologia

Bauman: “l’olocausto fu un prodotto della modernità”

Il nazionalismo, massima espressione della modernità che ha avvolto il secolo scorso, ha causato le catastrofi che ben conosciamo, fra le quali il primato spetta allo sterminio degli ebrei. Zygmunt Bauman ha analizzato l’olocausto in maniera particolare: per lui è un prodotto di quell’organizzazione efficiente tipica della modernità. Per Bauman infatti l’olocausto è stato un […]