Pubblicato il 14 Dicembre 2018

“Nel buio tutti i gatti sono leopardi” (proverbio del Kenya)

di Melissa Pignatelli

“Nel buio tutti i gatti sono leopardi”: con questo proverbio del Kenya inauguriamo una nuova rubrica di fiabe e proverbi del mondo dedicata a tutti i curiosi e ai loro figli, amici, parenti, amanti e pubblici grandi o piccoli da intrattenere. Le fiabe e i modi di dire come i proverbi sono un modo antichissimo di tramandare la saggezza e si possono considerare alla stregua dei reperti fossili. Le frasi e i simboli di fiabe e proverbi indicano infatti delle conoscenze e degli avvenimenti dai quali la società ha trattenuto un insegnamento e lo tramanda nel linguaggio.

Abbiamo trovato online una fonte molto interessante, un libro di racconti africani scritti da un funzionario italiano, Franco Siciliano (1941-2012) che ha avuto la generosità di trascrivere e tramandare racconti, fiabe e proverbi da lui raccolti nell’arco della sua vita. Riportiamo così qualche sua nota sulla selezione di proverbi sugli animali che potete leggere di seguito.

“Per gli animali carnivori, i sentimenti ispirati sono diversi, da una parte si nota la loro attitudine a predare, dall’altra si magnifica la forza, mentre li si usa anche per sottolineare delle verità di vita che sono comuni anche a proverbi europei. Prendiamo, per esempio, questi cinque:

 La pelle del leopardo è bella, ma il suo cuore è cattivo (Guinea).

 Nel buio tutti i gatti sono leopardi. (Kenya)

 Il Leone non si gira se un cane piccolo abbaia!

 Colui che ha visto il leone ruggire non corre allo stesso modo di chi lo ha soltanto sentito. (Costa d’Avorio.

 Ciò che si dice vicino al cadavere di un leone, non lo si dice quando il leone è ancora vivo. (Costa d’Avorio).

Siciliano trascrive le spiegazioni che gli sono state date: “Nella fiaba sul prima, quella sul leopardo, si sottolinea che l’apparenza inganna, mentre la seconda, sullo stesso animale, sottolinea la stessa cosa, ma ricorda molto da vicino il proverbio italiano “di notte tutti i gatti sono grigi”. Il primo proverbio sul leone sottolinea che chi è forte non è molto sensibile alla provocazione, il secondo sottolinea che una dimostrazione di forza è una maniera molto efficace di inviare messaggi mentre l’ultimo che il bon senso porta a non sottovalutare il valore della forza. In effetti, però, è spesso l’elefante ad essere usato come simbolo di forza e di potenza, come dimostrato dai primi tre dei seguenti proverbi; il quarto, oltre alla forza, ne sottolinea anche sottolinearne la relativa fragilità mentre il quinto mette in risalto il fenomeno opposto: che i piccoli ed i deboli non debbano necessariamente dipendere dai più forti”.

 Quando gli elefanti combattono è sempre l’erba a rimanere schiacciata (diversi paesi del Sahel).

 Uno che fa amicizia con l’elefante non ha paura. (Uganda).

 Il bufalo non si vanta della sua forza davanti all’elefante. (Gabon)

 Anche a un elefante basta un sol giorno per morire. (Angola)

 Lo scoiattolo è piccolo, ma non è schiavo dell’elefante. (Ciad)

 

Una nota speciale è dedicata al “gatto domestico” che “viene spesso utilizzato per sottolineare messaggi diversi tra loro”:

 Dove si vedono le tracce di un gatto, non si vedono quelle del topo. (Guinea).

 Quando il gatto è sazio dice che il sedere del topo puzza. (Camerun).

 

Animali e immagini tramandano in maniera semplice osservazioni sottili, sarcasmi, lotte e sotterfugi tipici delle società umane. E continuiamo così a far passa parola.

 

Melissa Pignatelli

Fonte: Franco Siciliano, Racconti africani, promo della pubblicazione accessibile qui.

By |2018-12-18T17:55:36+00:0014 Dicembre 2018|Cultura, Teoria|