Il termine non-luogo è stato coniato dall’antropologo Marc Augé nel saggio Non-lieux. Introduction à une anthropologie de la surmodernité (1992) per indicare le strutture destinate al transito di persone e merci come centri commerciali, autostrade e aeroporti.
Questi spazi caratterizzati da un utilizzo impersonale si contrappongono ai cosiddetti “luoghi antropologici” dotati di una valenza identitaria e culturale.

Con particolare riferimento all’attualità, il significato antropologico della città (contesto fondamentale per le nostre relazioni sociali) sembra oggi risentire delle misure di sicurezza adottate per fronteggiare l’epidemia.
La quarantena, infatti, non è solo un provvedimento sanitario, ma comporta anche conseguenze sociali che meritano di essere approfondite al di là dell’emergenza contingente.

A tal proposito, l’analisi delle analogie che si possono notare tra le “zone rosse” e i nonluoghi augeiani ci permettono di individuare due importanti sfide sociali proprie della contemporaneità.

Il primo problema che si pone è la sicurezza: entrambi gli spazi vengono regolati da rigidi standard e sorvegliati costantemente.
La società quindi cerca di proteggersi, ma le conseguenze vanno a discapito della comunità: la vita quotidiana perde naturalezza e le persone seguono rotte solitarie evitando di incrociarsi. Anche i “punti di aggregazione” della città sono ora punti di rapido e diffidente passaggio.

Nei luoghi della crisi, inoltre, vengono adottati dispositivi medici di protezione come guanti e mascherine.

Riconoscersi è difficile e doloroso anche per la città.

Eppure ci sono persone che sono ripartite dalle piccole comunità della famiglia e del vicinato per ricostruire i fili di relazioni che rischiavano di essere spezzati dall’isolamento.

È questa la seconda sfida: individuare forme di socialità che restituiscano un senso antropologico ai nonluoghi.

La città potrà tornare ad essere un luogo grazie alla resistenza dei piccoli nuclei della comunità e alla ripresa delle attività culturali.

Sara Nocent

Studentessa all’Università di Trieste iscritta al corso di Studi letterari e storico-artistici