Di questi tempi anche i riti religiosi subiscono variazioni storiche: per mantenere le pratiche rispettando la necessità dell’isolamento degli individui, cosa assolutamente nuova nella storia dell’umanità, le congregazioni religiose devono innovare per adeguarsi. Ecco quanto hanno deciso a Viareggio per i festeggiamenti della Patrona.

“La Confraternita della SS. Annunziata di Viareggio comunica a tutto il popolo che, a seguito delle recenti disposizioni, la Festa 2020 della SS. Annunziata, Patrona della citta’ di Viareggio, sara’ cosi’ articolata:

Domenica 22 marzo 2020: h. 18 – Suono delle Campane a Festa e Recita del S. Rosario, a porte chiuse, in diretta sulla pagina Facebook della Chiesa della Santissima Annunziata di Viareggio;

Lunedi’ 23 marzo 2020: h. 18 – Suono delle Campane a Festa e Recita del S. Rosario, a porte chiuse, in diretta sulla pagina Facebook della Chiesa della Santissima Annunziata di Viareggio;

Martedi’ 24 marzo 2020 – Vigilia della Festa (Giorno commemorativo del “Voto del Comune – 15/4/1780 – quando la Madonna sollevo’ Viareggio da un terribile uragano che cesso’ appena la popolazione si riuni’ in preghiera nel Santuario): h. 21 – in sostituzione della tradizionale Processione per le vie di Viareggio, Suono delle Campane a Festa, possibilmente anche da parte delle altre Chiese di Viareggio – Recita del S. Rosario, a porte chiuse, in diretta sulla pagina Facebook della Chiesa della Santissima Annunziata Viareggio; i viareggini sono invitati ad esporre alle finestre un lume in segno di fede e supplica alla Madonna.

Mercoledi’ 25 marzo 20°20 – Festa della SS. Annunziata: h. 11- S. Messa Solenne, a porte chiuse, celebrata da S.E. Mons. Paolo Giulietti, Arcivescovo di Lucca, trasmessa in diretta su Noi TV.

L’esposizione della reliquia della Vergine si terra’ nei giorni 24 e 25.

Il Santuario sara’ addobbato a festa come da tradizione.”

Le campane ritorneranno ad essere il suono profondo che unisce le persone.

Melissa Pignatelli

Immagine: Le campane di Burgio , unica fonderia apposita rimasta in Sicilia.