Author: Melissa Pignatelli

Luigi Ghirri, Paolo Icaro ed altri idealisti alla Querini Stampalia a Venezia

Se la fotografia, la scultura e le arti in generale serbano la forza del potere creativo, è positivo che, in un momento fragile come quello che stiamo attraversando, ci siano persone ed istituzioni che, riconoscendone la funzione, la mettano a disposizione della comunità di cui sono parte. In quest’ottica nasce la mostra in corso alla […]

Arte, Artissima e il palcoscenico della nostra epoca

L’apertura di Artissima a Torino, la fiera Internazionale di arte contemporanea più autorevole in Italia che si svolge al Lingotto dal 3 al 5 Novembre è l’occasione di riflettere sul ruolo dell’arte nella società odierna. Perché il meccanismo principale che salta agli occhi osservando e partecipando ad una fiera di questo tipo non è certo quello […]

Immaginazione e globalizzazione, ovvero come funziona la modernità

Arjun Appadurai, pensatore chiave nelle scienze sociali, eminente antropologo newyorkese di origine indiana ha spiegato come la globalizzazione sia una realtà contemporanea possibile grazie al ruolo delle reti della comunicazione di massa sulle quale circolano immagini, testi, filmati che permettono a mondi lontani di incidere sul nostro quotidiano attraverso la nostra immaginazione. Appadurai definisce modernità diffusa la […]

Che cos’è l’etno-nazionalismo e perché è pericoloso

L’etnonazionalismo, neologismo entrato nel lessico italiano attraverso articoli scritti sui quotidiani nazionali tra il 1995 e il 2000, è definito dalla Treccani come “nazionalismo etnico, che fa proprie e rivendica le tradizioni di un gruppo etnico, di un popolo”. La Treccani, per ovvi motivi, non rammenta che, l’essere cittadini – nel senso storico legato alla Rivoluzione […]

Il turismo di massa nelle città d’arte italiane non è più sostenibile

L’incidente in Santa  Croce a Firenze evidenzia come la quantità di persone presenti in un’area storica sia il vero fattore dell’aumento dei rischi. Le domande da farsi, a tutti i livelli, riguardano sia l’evidenza della mercificazione delle città d’arte, sia la capienza limitata delle nostre antichissime città, sia della necessità di considerare forse le intere […]

Franca Pisani, il Medio Oriente ed il codice archeologico della memoria comune

Ai lati di un sentiero di resti in marmo di moschee antiche, si ergono imponenti raffigurazioni di storiche città mesopotamiche: Franca Pisani dipinge così a tratti bianchi, pieni e decisi Palmira, Nimrud sul fiume Tigri e Hatra vicino Baghdad. In un percorso a tappe costruito specificamente per gli spazi del Macro, l’artista scava nella memoria […]

La democrazia e tirannide della maggioranza, secondo Tocqueville

“I vizi e e le debolezze del governo democratico si notano senza fatica, ma le sue qualità non si scoprono che poco alla vota. Quel che è certo è che le leggi della democrazia tendono al bene dei più mentre quelle dell’aristocrazia tendono a monopolizzare potere e ricchezza nelle mani di pochi”, così rifletteva Alexis […]

Riconoscere le diversità, ritrovare la propria identità

“Un prato non sarebbe così bello se fosse composto da un solo tipo di fiore”, ha detto recentemente il Dalai Lama ad un incontro interreligioso a Firenze. Ma allora che cosa contraddistingue la nostra identità e perché il confronto con la diversità mette in crisi le nostre società contemporanee? Chiedersi che cosa sia l’identità e cercare […]

Credenze dei popoli dell’Anaconda, tribù dell’Amazzonia Colombiana

I popoli dell’Anaconda, così si chiamavano i Cofàn, i Tukano, i Taiwano, i Macu, i Karijona, i Barasana, i Witoto, i Puinave, i Kubeo e tutte le altre tribù che popolavano l’amazzonia Colombiana, erano dei gruppi sociali che credevano che l’Anaconda, i fiumi e la Via Lattea, erano ognuno la rappresentazione dell’altro in una dimensione […]

E se lo straniero fosse una parte di noi?

Chi è lo straniero? Julia Kristeva, semiologa e linguista, risponde in maniera originale a questa domanda con un argomento da psicanalista: una parte di noi stessi ci rimane spesso estranea perché facciamo fatica ad accettarla. Lo straniero è dunque in noi, come una sorta di controfigura con cui conviviamo, o che non sempre capiamo. Ma è “meglio […]

Vasilis Kypraios, memorie di Patmos nell’arte contemporanea greca

Le memorie di Patmos che Vasilis Kypraios, pittore greco contemporaneo, imprime attraverso un caleidoscopio di colori sulle tele che compongono la traccia del suo passaggio sull’isola (dove San Giovanni scrisse l’Apocalisse) intrecciano un complesso mosaico di significati. La sua pittura si contraddistingue sia per degli elementi di disegno classico, sia per una composizione basata sull’uso […]

“Il musulmano errante”: un racconto mediorientale

Il musulmano errante non è un libro facile. Il testo, dall’apparenza succinta, racconta una vecchio mistero religioso mediorientale nascosto tra le pieghe acute di una storia che il narratore, Alberto Negri, riporta quasi come le leggende orali, mescolandola con fatti ed eventi contemporanei. Le storie trattengono sempre qualcosa delle epoche che attraversano, delle tradizioni narrative […]

Multiculturalismo, lotta per il riconoscimento o crisi identitaria?

Leggendo le riflessioni filosofiche di Charles Taylor, si trova nella sua disamina del senso sociale di multiculturalismo una riflessione utile per capire che il confronto con l’altro – dal vicino di casa all’immigrato, dalla compagna al collega – può mettere in crisi è il nostro senso di identità. La questione del multiculturalismo facendoci vedere “altro […]

Lo scherno, una pratica tipica italiana

L’Italiano, mentre sfoggia un rapporto conformistico, per non dire opportunistico con il potere, cova e rilascia un comportamento sarcastico, corredato da un’ampia pratica del disprezzo: questo uno dei tratti culturali tipici (antropologici) degli abitanti del Belpaese. In Sberleffi di Campanile (Olschki Editore, 2015) Giancarlo Schizzerotto ricostruisce la storia dell’arte dello scherno come pratica costante della […]

L’umanità nelle “Mille e una notte”: una nuova traduzione ne rivoluziona il senso

Le mille favole che raccontò Shahrazad per salvarsi la vita dal gran re Shahriar che, deluso da sua moglie, si portava a letto ogni sera una donna diversa per poi farla uccidere al mattino, non sono esattamente quelle che abbiamo letto finora. La traduzione italiana corrente è basata su un’interpretazione di un arabista francese, Antoine Galland, che […]